Helter Skelter

Helter SkelterHelter Skelter

Beatles cover by The Ladders

Pubblicato il 20 marzo 2013 su Youtube e Facebook

Un brano violento, rumoroso e decisamente “hard” rispetto agli standard dell'epoca. Il tentativo volontario di Paul di creare qualcosa il più sporco e pesante possibile, che però segna un punto chiave nello sviluppo dell'hard rock degli anni '70…

Quando Pete Townshend degli Who in un'intervista descrisse il loro ultimo singolo I Can See For Miles come la canzone «più cattiva e selvaggia mai registrata», Paul McCartney con la sua tipica competitività, prima ancora di ascoltare il brano in questione, decise di superare i colleghi con qualcosa di ancora più selvaggio e infuocato. Così, con un titolo ispirato all'ambiguità tra "confusione disordinata" e lo scivolo elicoidale dei luna park inglesi, nacque Helter Skelter.

In fase di registrazione, furono molte le versioni di questo brano: una anche di 27 minuti e un'altra di 12 minuti, decisamente più lente ed ipnotiche, ma la più nota proviene dal frutto delle 18 versioni registrate in un solo giorno (9 settembre 1968), al termine delle quali Ringo Starr scagliò via le bacchette gridando: «I've got blisters on my fingers!» restando impresso nella versione definitiva inclusa nel White Album.

Helter Skelter è un esempio della grande versatilità di McCartney. Anticipa quello che sarebbe poi divenuto l'hard rock e l'heavy metal. Un brano particolarmente violento e decisamente “hard”, insolito rispetto agli standard dell'epoca e dei Beatles stessi. Lodato da molti critici per inventiva e potenza come «uno dei brani rock più feroci e brutali mai realizzati da chiunque» e da altri invece stroncato come troppo «spaventoso ed inquieto». Purtroppo affermazioni inquietanti, soprattutto alla luce delle macabre vicende che videro Charles Manson e la sua banda commettere atroci massacri attraverso le deliranti interpretazioni di Manson del brano. Tra i moltissimi artisti che hanno realizzato cover del brano, ci sono anche gli U2 che aprono il loro album Rattle And Hum con le parole di Bono: «This is a song Charles Manson stole from the Beatles. We're stealing it back!»

In questo video abbiamo cercato di aggiungere tutte le scene di ogni fase di registrazione della nostra cover in “presa diretta” e senza playback.

  • Brizio Romagnoli: voce, basso.
  • Massimo Gerini: cori, chitarra ritmica, “Rudolph”.
  • Paolo Santamarianova: cori, chitarre solista.
  • Mauro Cimarra: batteria.
  • Gabriele Chiappa: cori.

Registrato e mixato da Massimo Gerini.
Video di Brizio Romagnoli.

Condividi:

#theladdersit
info e contatti

scrivici »